'Non abbiamo quasi tutto: in difesa di Whitney Houston' l'autore spiega perché ha scritto il libro

  Non't We Almost Have It All: 'Non abbiamo quasi avuto tutto' di Gerrick Kennedy; credito fotografico: Abrams Press

Tutti i prodotti e servizi presentati sono scelti indipendentemente dagli editori. Tuttavia, Bij Voet potrebbe ricevere una commissione sugli ordini effettuati tramite i suoi collegamenti al dettaglio e il rivenditore potrebbe ricevere determinati dati verificabili a fini contabili.

L'11 febbraio segna i 10 anni dalla morte di Whitney Houston . Le dualità della vita del cantante multi-platino, sia dentro che fuori dai riflettori, sono esplorate nel nuovo libro Non abbiamo quasi tutto: in difesa di Whitney Houston di Gerrick Kennedy, con un attaccante di Brandy. Il libro uscirà martedì (1 febbraio).

Esplorare

Ecco, dice Kennedy A Piedi sul perché ha voluto intraprendere questo progetto:

Cosa c'è di Whitney che ti ha fatto venire voglia di condividere la sua storia?

  Legame

La domanda che mi viene posta di più è perché Volevo scrivere un libro su Whitney Houston. Per me la risposta è stata abbastanza semplice: non c'era un libro su di lei che fosse fondato su cultura e riverenza. Come qualcuno che l'amava, profondamente, si sentiva incredibilmente ingiusto nei confronti dello splendore con cui benediceva il mondo.

Gran parte della nostra comprensione di Whitney, e della sua storia, è radicata nel trionfo e nella tragedia. Il mondo l'ha amata, ma è stata anche incredibilmente maltrattata dai media e dal pubblico. La mia più grande apprensione è che le persone sentono che stai scrivendo un libro su Whitney e danno per scontato che sia una denuncia o che abbia scoperto nuovi dettagli nelle tragedie che sfortunatamente sono arrivate a definirla. Volevo scrivere il libro che volevo leggere su Whitney, uno che esplorasse la sua importanza e cercasse un significato nei suoi trionfi e tragedie.

È una lettera d'amore a Whitney, ma è anche un riflesso di quanto ci siamo evoluti culturalmente da quando l'abbiamo persa.

Qual è una cosa che sei stato sorpreso di sapere su di lei mentre facevi ricerche e scrivevi il libro?

Ho passato anni a fare ricerche sul libro, guardando vecchie interviste, leggendo la copertura mediatica dalla sua ascesa fino alla sua scomparsa e, dopo, setacciando YouTube e siti di fan per Tutto quanto . Da fan, le cose che mi hanno sorpreso sono state scoprire piccoli dettagli su come alcune canzoni si sono messe insieme che non ho mai conosciuto crescendo. Ma c'era un tema centrale che è diventato chiaro mentre esaminavo gli annali della copertura di Whitney. Ho iniziato a vedere come la 'vergogna' fosse un filo conduttore della sua vita e carriera. Non solo la vergogna che Whitney portava o si nascondeva dietro quella che abbiamo visto nelle sue lotte personali, ma la vergogna che le abbiamo proiettato con le nostre aspettative e il nostro giudizio. Ho trovato sorprendente che non l'abbiamo chiamato di più mentre lei era qui per ascoltarlo.

Acquistare: Non avevamo quasi tutto: in difesa di Whitney Houston ($ 25)

Cosa speri che i lettori portino via dal libro?

Whitney sarà sempre inconoscibile in un certo senso. Non è qui per raccontarci la totalità della sua storia. Vorrei che fosse qui per vedere questa era di riconsiderazione che stiamo dando alle nostre icone che sono state maltrattate. Vorrei che avesse la possibilità di fare il documentario che voleva o di scrivere un libro di memorie se voleva. Ma non lo è, e so di non essere l'unico a soffrire sempre per questo. Questo libro è una celebrazione di un talento generazionale che il mondo non vedrà mai più e ricorda che lei è stata molto più dei suoi trionfi e tragedie. Ci sono due righe nel primo capitolo che hanno ispirato il titolo ed è in definitiva ciò che spero che i lettori portino via dal libro: Non sapremo mai cosa sarebbe potuto essere. Ma non avevamo quasi tutto?

Di seguito è riportato un estratto esclusivo dal capitolo del libro intitolato 'Bolder, Blacker, Badder: The Sisters With Voices That Transformed Whitney'.

Nella nostra era di memoria assistita digitalmente, Whitney Houston occupa uno spazio che le è sfuggito nella vita. Uno spazio in cui la sua oscurità è ammirata, mai messa in dubbio. Uno scorcio di Whitney congelato nel tempo o in un ciclo continuo è probabilmente nel profondo del tuo rullino fotografico o memorizzato tra le GIF più utilizzate. E se non hai Whitney salvata per essere a tua disposizione, ha sicuramente abbellito il tuo feed di Twitter o Instagram o è apparsa in una chat di gruppo con i tuoi amici, allungando il collo in modo drammatico, o alzando gli occhi al cielo, o sembrando esasperata o dichiarando, 'Ahhh, questa è storia' nel maniero più piacevole. Nella morte, attraverso la permanenza dei meme, Whitney è diventata una zia per tutti noi. Era sempre lì, ovviamente. Sotto la cortesia, gli abiti con paillettes e le caramelle pop zuccherine che l'hanno resa Whitney Houston c'era una ragazza alla moda. Ma i giochi della fame da diva che ci hanno tenuti intenzionati a metterla contro Madonna, Janet, Paula e Mariah mentre salivano tutti la scala pop ci hanno fatto trascurare l'idea della sorellanza che è stata parte integrante della posizione di Whitney nell'industria musicale durante la sua carriera.

La più grande GIF Whitney di tutti i tempi - ok, forse non la più grande, ma sicuramente una delle prime 5 concorrenti - è nata proprio dalla sorellanza che le era così cara. L'hai visto. Natalie Cole si tiene l'American Music Award per cui ha battuto Whitney (e Paula Abdul) mentre ridono e si indicano l'un l'altra, Natalie dal palco con il suo abito nero con paillettes e guanti, e Whitney dal suo posto. 'Non so quante volte Whitney e io siamo stati insieme nella stessa categoria', dice Natalie all'inizio del suo discorso di accettazione, incrociando gli occhi con la sua ragazza Whitney, 'ma mi divertirò!' È una bella immagine. Era il 1992, e queste erano due potenze pop che apprezzavano il loro successo, ma erano anche donne nere che erano brave fidanzate che facevano il tifo l'una per l'altra pubblicamente in un'industria infernale che giudicava all'infinito le donne l'una contro l'altra. Whitney e Natalie erano intrattenitori che discendevano dai reali della musica, il che ha amplificato le pressioni che sono derivate dalla loro carriera e ha contribuito alle loro lotte contro la dipendenza dalla droga. Erano donne che cercavano di farcela - e ci hanno lasciato molto prima che avrebbero dovuto. Tengo la GIF di Whitney e Natalie nel mio arsenale ogni volta che voglio dare gas a uno dei miei amici. Ogni volta che voglio punteggiare un 'yass' o lodare una lettura losca o una buona parola, mi rivolgo a quel momento in cui Whitney e Natalie si mostrano gioiosamente amore reciproco. Ogni volta che lo guardo, la mia mente cerca di metterli qui ora, come se fossero ancora qui, in competizione per i premi e regalandoci momenti più gioiosi come quello che hanno condiviso agli American Music Awards nel 1992.

La sorellanza era così profonda al centro di chi fosse Whitney e di come si fosse mossa nel settore. È ciò che ho apprezzato di più di lei, al di fuori dei suoi talenti. Quando è cresciuta, l'abbraccio di Whitney alla sorellanza ha mostrato un'accessibilità che la sua musica e l'immagine pubblica erano mancate all'inizio della sua carriera. Il modo in cui ha sollevato Brandy e Monica nel suo nome; come ha abbracciato Kelly Price e Faith Evans e Deborah Cox; le sue profonde amicizie con Mariah e Mary J. Blige e CeCe Winans e Pebbles. Il modo in cui ha permesso a se stessa di essere vulnerabile con Oprah Winfrey e ha parlato di aver toccato il fondo e del peggio dei suoi anni con Bobby. Siamo venuti a vedere Whitney come la quintessenza della zia nera. E quelle GIF del suo essere divertente e losco che sono congelate nei nostri telefoni o le frasi che ha pronunciato che si sono incorporate nella nostra psiche e sono diventate parte del nostro vernacolo provengono tutte da questo periodo che mi piace chiamare l'emergere di zia Nippy.

Prima che Whitney registrasse la musica più audace (e innegabilmente nera) della sua carriera, ha filmato Waiting to Exhale. L'adattamento del tomo più venduto di Terry McMillan centra la sorellanza nella sua storia delle prove e delle tribolazioni delle moderne donne nere che navigano in relazioni romantiche e familiari. Whitney aveva raggiunto il suo apice dopo aver cantato l'inno nazionale e lo ha seguito con il successo di successo di The Bodyguard e la sua colonna sonora da record. Per il suo prossimo ruolo cinematografico, voleva qualcosa di più complesso. Qualcosa di più reale. Qualcosa che le ha permesso di apparire sullo schermo come qualcosa di più di Whitney Houston, la diva del pop. Lo ha trovato in Waiting to Exhale. Terry McMillan scrive in modo bello e onesto sulle donne nere contemporanee. Scrive di donne che mettono in mostra il loro dolore e i loro desideri; che vivono audacemente o sconsideratamente e cercano senza speranza l'amore, o almeno un buon laico; donne che cercano di avere tutto in un mondo che non sempre ce l'ha per loro. McMillan ha parlato direttamente, e francamente, con le donne nere che cercano di ritrovare il loro ritmo. Scriveva per le donne che erano stanche degli uomini insignificanti; le donne che erano state nella cucina del Dolore e avevano leccato tutte le pentole; e le donne che erano alla ricerca della libertà sessuale e della liberazione personale. Waiting to Exhale, il suo terzo romanzo, era incentrato su un quartetto di donne nere trentenni della classe media in preda al tumulto emotivo e alla sorellanza che le faceva andare avanti. Erano donne estremamente complesse, di successo nella loro carriera ma profondamente frustrate dall'amore e dalla famiglia. Il libro ha reso McMillan un nome familiare quando è diventato una delle opere di narrativa più vendute nel 1992. I critici si sono scagliati contro di lei - allo stesso modo in cui si scagliano contro Tyler Perry ora - per non essere abbastanza fantasiosa o ambiziosa nella sua prosa e nell'esplorazione dell'argomento materia che si concentrava troppo sull'intersezione di classe, genere e desiderio eterosessuale nero senza interrogare il razzismo, il sessismo o la volatilità socioeconomica che influisce sul modo in cui i neri vivono in America. Ma McMillan, come Perry, era in contatto con un pubblico che raramente si vedeva impresso nella narrativa, nella televisione o nei film. Conoscevamo tutti donne come Savannah e Robin e Gloria e Bernadine: affascinanti, vulnerabili, impulsive, appassionate, esuberanti, umane. Erano donne vere che avrebbero potuto facilmente essere le nostre sorelle o le nostre zie preferite. Avevo sette o otto anni quando trovai la copia di mia madre di Waiting to Exhale nella sua camera da letto. Non l'ho letto per intero fino a quando ero un'adolescente, ma sono rimasta affascinata dalla copertina, le sagome marroni senza volto vestite con abiti nitidi e vivaci. La copertina sembrava l'arte nera contemporanea che mia madre e tutte le sue sorelle, le mie zie, avevano nei loro appartamenti. Mi sdraiavo a letto con lei mentre leggeva, rannicchiata nel suo calore, persa nella mia avventura (adatta all'età).

Dato il suo successo, un adattamento cinematografico di Waiting to Exhale era inevitabile. Forest Whitaker ha fatto il suo debutto alla regia con il film e Angela Bassett, Lela Rochon, Loretta Devine e Whitney sono state scelte per i ruoli principali. Alla fine Whitney ha avuto un ruolo sfumato, che richiedeva da lei più di The Bodyguard e The Preacher's Wife, film apparentemente costruiti attorno alla meraviglia della sua voce cantata. Savannah Jackson non era una diva pop superstar perseguitata o una moglie trascurata visitata da un angelo disinvolto. Era una donna stanca che aveva raggiunto grandi traguardi nella sua carriera, ma era profondamente frustrata dalle sue prospettive romantiche e dalla sua intrigante madre. Savannah era una donna in cerca di pace della mente e di un amore significativo. Come le sue sorelle, stava trattenendo il respiro per Mr. Right ed era stanca di intrattenere tutti i Mr. Wrong che erano entrati nella sua vita e l'hanno fatta rimpicciolire e mettere i suoi bisogni in secondo piano. Uscito intorno al Natale del 1995, Waiting to Exhale è entrato nella storia come il primo film con protagoniste tutte nere ad aprire al primo posto al botteghino. La popolarità del libro e il suo adattamento cinematografico di successo sono stati influenti nella normalizzazione delle donne nere della classe media nella coscienza culturale popolare. Gli studios erano quindi ansiosi di dare il via libera a soap opera prodotte in modo intelligente che esplorassero la classe media nera attraverso drammi familiari e commedie romantiche d'insieme, molto diversi dai film sul cofano che si riversavano da Hollywood che coincidevano con la popolarità dell'hip-hop e affrontavano il tumulto della vita nera in centri urbani in tutto il paese. Whitney, come il suo personaggio sullo schermo, era una donna sulla trentina. Aveva avuto alcuni anni di matrimonio e maternità alle spalle, e il doppio di un'intrattenitrice superstar. Era esausta per la stampa scortese, le critiche alla sua vita personale, alla sua musica e le fastidiose domande sull'autenticità.

Aspettare Exhale è stato fondamentale per aiutarla a cambiare la narrazione in un modo che non era stata in grado di fare prima. Whitney si è fusa nel ruolo di Savannah, una donna che aveva tutto ma in qualche modo non riusciva a catturare un uomo che non fosse un cane insignificante. Whitney è stata acuta e divertente nella sua interpretazione, ma soprattutto, ha preso la stanchezza in cui viveva il suo personaggio e l'ha fusa con il suo stesso dolore. Non conoscevamo ancora la profondità dei suoi dolori personali. Sospettavamo che le cose fossero andate male tra lei e Bobby. I tabloid hanno sfornato storie dell'infedeltà e delle feste di Bobby, e c'erano pettegolezzi sul fatto che Whitney fosse una diva scostante sul set, chiacchiere che i suoi co-protagonisti hanno tentato di mettere a tacere. Anni dopo, dopo che se n'era andata da tempo, abbiamo appreso che Whitney aveva effettivamente un'overdose di cocaina durante le riprese del film in Arizona. I problemi di Whitney con la droga erano ancora un segreto per il grande pubblico, il che era ancora possibile solo perché non eravamo ancora in un'epoca in cui le notizie sulle celebrità erano una macchina di ventiquattro ore. Per quanto ne sappiamo, Whitney era solo una donna che sembrava avere un matrimonio tossico.

Estratto da Non abbiamo quasi tutto: in difesa di Whitney Houston di Gerrick Kennedy pubblicato da Abrams Press ©2022.

Condividi Con I Tuoi Amici

Chi Siamo

Other Side of 25 Fornisce Le Notizie Più In Voga Sulle Celebrità Delle Tue Star Preferite - Copriamo Le Interviste, Le Esclusive, Le Ultime Notizie, Le Notizie Di Intrattenimento E Le Recensioni Dei Tuoi Programmi Televisivi Preferiti.