Live Nation mette in congedo il capo della produzione Heather Parry dopo le accuse di abuso

 Heather Parry Heather Parry partecipa a Bij Voet Women In Music 2018 il 21 dicembre 6, 2018 a New York City.

Live Nation ha dichiarato venerdì (21 dicembre) di aver licenziato il capo della produzione cinematografica e televisiva Heather Parry dopo che diversi dipendenti l'hanno accusata di averli abusati verbalmente.

'In Live Nation siamo orgogliosi di avere una cultura aperta, accessibile e inclusiva. Prendiamo sul serio tutti i reclami dei dipendenti e abbiamo incaricato una terza parte di indagare. Abbiamo messo la signora Parry in congedo durante questo periodo', ha affermato la società in una dichiarazione inviata via email a Il giornalista di Hollywood.

 J-Speranza

Sabato, l'avvocato di Parry, Marty Singer, ha inviato THR una dichiarazione del suo cliente: 'È un peccato, come donna che gestisce una nuova divisione in una delle più grandi società di intrattenimento del mondo, che tu possa essere presa di mira semplicemente per come gli altri percepiscono una donna al potere. Mi impegno a continuare a lavorare con i miei colleghi di Live Nation per mantenere un posto di lavoro sicuro e rispettoso. Sono profondamente rattristato da queste accuse e pettegolezzi che non riflettono in alcun modo chi sono, o cosa apprezzo veramente. Se ho fatto del male a qualcuno, mi dispiace e mi scuso perché non era mai stata mia intenzione”.

Parry è un produttore esecutivo di 2018 È nata una stella , una produzione Warner Bros. in associazione con Live Nation Productions, con cui ha prodotto documentari Lady Gaga , che recita nel film, e con Sean 'Diddy' Combs .

La mossa è stata segnalata per la prima volta da Varietà dopo che la pubblicazione ha ottenuto una registrazione audio di quattro dipendenti che parlano alla direzione del linguaggio offensivo di Parry. Nella registrazione, un dipendente ha affermato di aver cercato una terapia e uno si è lamentato di problemi di salute legati al presunto comportamento abusivo di Parry, secondo Varietà .

Una persona che affermava di essere un attuale dipendente di Live Nation Production ha avuto accesso al feed Twitter dell'azienda e il 19 dicembre ha pubblicato una lettera aperta al CEO Michael Rapino in cui criticava l'azienda per aver protetto un 'mostro violento', Varietà segnalato.

'Voglio un ambiente di lavoro normale', ha scritto l'anonimo su Twitter, 'Uno in cui non devo temere di essere chiamato un imprecatore o che mi viene lanciato qualcosa o uno in cui non devo piangere ogni giorno alla mia scrivania . È troppo difficile da chiedere?'

L'avvocato di Parry, Marty Singer, non era disponibile per un commento.

Questo articolo è apparso originariamente su Il giornalista di Hollywood .

Condividi Con I Tuoi Amici

Chi Siamo

Other Side of 25 Fornisce Le Notizie Più In Voga Sulle Celebrità Delle Tue Star Preferite - Copriamo Le Interviste, Le Esclusive, Le Ultime Notizie, Le Notizie Di Intrattenimento E Le Recensioni Dei Tuoi Programmi Televisivi Preferiti.