Lightning in a Bottle Festival altera la politica di rimborso a seguito di azioni legali collettive

  Una visione generale di The Woogie Una vista generale del Woogie Stage durante il 2015 Lightning In A Bottle Festival il 22 maggio 2015 a San Miguel, in California.

Lightning in a Bottle ha modificato la sua politica di rimborso dopo che l'organizzatore del festival Do Lab è stato colpito da due azioni collettive all'inizio di questa settimana. Entrambi depositati martedì, le cause hanno chiesto un risarcimento non specificato al festival che ha annunciato la sua cancellazione a marzo e originariamente ha dichiarato in un'e-mail ai possessori di biglietti che i rimborsi non sarebbero stati concessi per nessun motivo.

Il festival della California centrale si sarebbe svolto al Buena Vista Lake nella contea di Kern durante il fine settimana del Memorial Day (20-25 maggio) con esibizioni di Kaytranada , Silvano Esso , Griz e un dj set da James Blake . Il festival ha annunciato la sua cancellazione il 13 marzo a causa dei grandi divieti di raduno per combattere la diffusione del coronavirus.

In una e-mail inviata ai possessori di biglietti, secondo la causa intentata per conto di Yesenia Jiménez , Do Lab ha dichiarato: 'Purtroppo, non possiamo offrire rimborsi per l'evento annullato. Tuttavia, stiamo lavorando a un piano per renderti completo con i pochi LIB. Ciò includerà un sistema per accreditarti per gli anni futuri.

Imparentato   Billie Eilish Imparentato Ticketmaster sta preparando un piano di rimborso per migliaia di spettacoli posticipati

'Il motivo per cui non siamo in grado di offrire rimborsi è che siamo una società indipendente, non abbiamo una società madre con tasche profonde o investitori esterni', aggiungeva l'e-mail. 'In questo momento tutti i soldi che sono stati portati attraverso la vendita dei biglietti sono stati già pagati su depositi non rimborsabili, materiali da costruzione e personale per dare vita al festival'.

Gli organizzatori hanno poi spiegato di aver capito che “le notizie non saranno accolte bene” e di aver dovuto anche licenziare tutto il loro personale, dal momento che il loro assicurazione non ha coperto una pandemia globale.

'Nessuno era più arrabbiato di noi per la cancellazione di LiB', Dede Flemming , co-fondatore di Lightning in a Bottle in una dichiarazione a A Piedi . “Il coronavirus è stato un momento paralizzante per l'industria degli eventi dal vivo, in particolare i festival indipendenti come il nostro. Non esiste un regolamento per una situazione come questa e nelle ultime tre settimane abbiamo fatto tutto il possibile per trovare il modo di ottenere rimborsi ai nostri acquirenti di biglietti o consentire loro di scambiare i biglietti per eventi futuri'.

Nella causa intentata per conto dell'attore Tessa Nesi elenca anche i comproprietari dell'azienda Jason 'Dede' Flemming, Jesse Flemming e Josh Flemming come imputati e chiama i termini e le condizioni della politica di rimborso 'irragionevoli e illusori'. La denuncia aggiunge che il contratto è inapplicabile 'quando una delle parti ha il diritto illimitato o arbitrario di modificare o risolvere il contratto o non si assume alcun obbligo'.

Gli abbonamenti per il fine settimana per il festival iniziavano a $ 319 e arrivavano fino a $ 999. Per coloro che desiderano alloggiare all'evento, i pass per il campeggio in auto possono essere acquistati per $ 130, mentre i pass per il campeggio per camper variavano da $ 355 a $ 1.200. Gli allestimenti o i pacchetti del campeggio VIP variavano da $ 1.500 a $ 3.300. Nel 2019, la capacità di Lightning in a Bottle è stata fissata a un massimo di 20.000 partecipanti.

Imparentato   StubHub Imparentato StubHub ha colpito con una causa collettiva da $ 5 milioni per la politica di rimborso del coronavirus

A seguito delle cause intentate separatamente per conto di Jimenez e Nesis, dagli studi legali Bursor & Fisher, P.A. e Geragos Law Group rispettivamente, Do Lab ha modificato il loro piano per rimborsare i possessori di biglietti. Giovedì, il produttore dell'evento indipendente ha inviato un'e-mail ai possessori di biglietti affermando: 'Diverse settimane fa, sotto un'immensa pressione, ti abbiamo presentato un piano per andare avanti, un piano che non rispettava i nostri standard e le tue aspettative. Per favore accetta le nostre scuse; miriamo a creare gioia e connessione umana e non vogliamo mai deludere nessuno'.

L'e-mail di giovedì continuava a notare come il festival opera con margini ridotti e fa affidamento sulle vendite del festival per realizzare qualsiasi profitto. Il festival conferma la sua dichiarazione originale secondo cui non ha i soldi a disposizione per rimborsare i titolari dei biglietti, ma ha trovato mezzi alternativi per creare un 'pool di rimborso' per restituire più soldi possibile ai fan che ne hanno bisogno.

“Abbiamo lavorato insieme agli agenti musicali e agli artisti e siamo grati di annunciare che la stragrande maggioranza degli artisti, nonostante abbia sostenuto le proprie spese non rimborsabili nella pianificazione delle loro esibizioni LIB, sta restituendo i propri depositi nel tentativo di aiutare noi in questo momento di crisi', ha dichiarato l'e-mail di giovedì. “Il nostro obiettivo è costruire il più grande pool di denaro possibile in modo da poterlo utilizzare per aiutare a rimborsare gli acquirenti dei biglietti. Tuttavia, abbiamo bisogno che tu comprenda la situazione, e questo è che se la maggior parte della nostra community richiede rimborsi, potrebbe significare la fine di Do LaB perché il pool sarà troppo piccolo per rimborsare tutti e quel debito sarà schiacciante. '

Do Lab chiede ai fan che possono farlo senza rimborso di trasferire il loro biglietto all'edizione 2021 0r 2022 del festival o di 'regalare' il loro acquisto 2020 al festival per garantire un 'futuro condiviso'.

'Comprendiamo che questa è una grande richiesta da parte di tutti voi e tutt'altro che una soluzione perfetta', continua l'e-mail. 'Ma sappiamo anche che tieni alla LIB tanto quanto noi e che probabilmente non possiamo tenerla a galla senza la tua collaborazione'.

Jimenez è rappresentato da Scott A. Bursor , Yeremey Krivoshey e Bretagna S. Scott di Bursor & Fisher PA. Nesis è rappresentato da Matthew J. Geragos e Michele Geragos del Gruppo giuridico Geragos e Prega Sina del Gruppo di diritto Sina.

Condividi Con I Tuoi Amici

Chi Siamo

Other Side of 25 Fornisce Le Notizie Più In Voga Sulle Celebrità Delle Tue Star Preferite - Copriamo Le Interviste, Le Esclusive, Le Ultime Notizie, Le Notizie Di Intrattenimento E Le Recensioni Dei Tuoi Programmi Televisivi Preferiti.