I cantautori americani meritano di meglio: Ed

  Giudice Gavel Corte 2016 Biz

Il Dipartimento di Giustizia (DoJ) ha inferto un duro colpo ai cantautori americani. Dopo due anni di revisione dei decreti di consenso che regolano ASCAP e BMI, avvocati di carriera che non sono mai stati eletti né confermati alle loro posizioni, guidati da un avvocato che in precedenza rappresentava Google, hanno stabilito che i cantautori dovrebbero avere ancora meno diritti, meno controllo sui loro intellettuali proprietà ed essere trattati in modo più iniquo di quanto non lo siano già. Il Dipartimento ha ignorato le voci di esperti di copyright, membri del Congresso e migliaia di cantautori e ha consegnato un enorme regalo alle aziende tecnologiche che già beneficiano di tariffe incredibilmente basse.

  America's Songwriters Deserve Better Than This:

Quando il DoJ ha iniziato la revisione dei decreti di consenso, cantautori ed editori speravano in modifiche e sollievo di fronte ai drammatici cambiamenti del mercato nelle licenze sui diritti di esecuzione che rendevano chiaro che non venivano pagate tariffe di royalty eque. Nella migliore delle ipotesi, speravamo che i decreti dell'era della seconda guerra mondiale sarebbero stati eliminati per consentire ai cantautori la stessa libertà di concedere in licenza le opere di cui godono gli altri proprietari di proprietà. Nel peggiore dei casi, i decreti verrebbero aggiornati per riflettere l'attuale mercato digitale e offrire a cantautori ed editori una maggiore flessibilità per negoziare tariffe guidate dal mercato con servizi digitali globali. Dopotutto, i decreti di consenso sono stati messi in atto prima dell'invenzione della radio a transistor. Non avrebbero mai dovuto, né avrebbero potuto immaginare, l'esistenza in un mondo di iPhone, streaming e accesso istantaneo a praticamente tutta la musica.

Sfortunatamente, il DoJ è andato nella direzione opposta e ha scelto il risultato più dannoso per i cantautori e la comunità creativa.

'Deludente': l'industria editoriale esprime confusione, preoccupazione per la decisione del Dipartimento di giustizia

Il Dipartimento ha stabilito che non saranno apportate modifiche agli attuali decreti. E ora hanno anche interpretato quei decreti per richiedere che tutte le opere debbano essere concesse in licenza al 100%, il che significa che la pratica tradizionale e logica della licenza frazionaria - o concedere in licenza solo la quota di una canzone rappresentata da un PRO - di ASCAP e BMI sarà essere eliminato.

Indipendentemente da come ci si sente riguardo alla professione di autore di canzoni e al diritto innato che un creatore ha di controllare la propria creazione, qualsiasi organismo legale dovrebbe essere deferente all'ufficio creato per esaminare e fornire consulenza sulla legge sul copyright. A quell'organismo, l'Ufficio del copyright degli Stati Uniti, è stato chiesto di valutare le modifiche proposte dal DoJ e disse che “un'interpretazione dei decreti di consenso che richiederebbe a questi PRO di impegnarsi in licenze al 100 percento presenta una serie di preoccupazioni legali e politiche. Un simile approccio vizierebbe apparentemente importanti principi della legge sul diritto d'autore, interferirebbe con le collaborazioni creative tra i cantautori, negherebbe i contratti privati ​​e amplierebbe in modo inammissibile la portata dei decreti di consenso'. La sfida mostrata da questi avvocati antitrust di carriera nell'ignorare il parere legale del Registro dei diritti d'autore è scioccante.

Oltre a ignorare il Copyright Office, il modo in cui è stata presa e pronunciata la decisione è stato offensivo per coloro che hanno investito maggiormente nel futuro dei cantautori. I membri del Congresso che avevano espresso interesse a conoscere l'esito della revisione sono stati apparentemente colti alla sprovvista e non hanno avuto la possibilità di appellarsi al Dipartimento. Sono stati semplicemente avvisati che era stata presa una decisione e non hanno fatto ricorso alla ragione con il DoJ.

membro del Congresso Doug Collins dell'ufficio della Georgia disse che il DoJ “ha inviato un'e-mail al personale del Congresso assicurando che la revisione non era completa e che le parti e le parti interessate avrebbero avuto la possibilità di fornire le proprie opinioni prima che la revisione fosse completata. Tuttavia, i resoconti della riunione e il posizionamento del DoJ sembrano indicare che il DoJ ha già determinato quale direzione prenderanno'. Inoltre, il membro del Congresso Collins ha affermato che 'la posizione del Dipartimento di Giustizia è arrogante al suo peggio'.

Questa mossa minaccia anche la trasparenza perché mentre i cantautori potrebbero aver scelto di unirsi a un PRO, ora i loro pagamenti potrebbero provenire da un altro. E se ogni PRO può concedere in licenza un intero brano, anche se ne controlla solo una piccola parte, allora i licenziatari potrebbero avere la possibilità di concedere in licenza le tariffe più basse in una corsa alle royalty al ribasso.

Il Dipartimento di Giustizia nega il consenso Modifica del decreto

Il DoJ non ha la protezione dei cantautori nel loro interesse, quindi dobbiamo portarlo in un altro forum. L'opinione pubblica è potente e gli avvocati antitrust del DoJ devono capire che le loro decisioni avranno un effetto a catena attraverso i campi della creatività per decenni. Nelle prossime settimane e nei prossimi mesi sarà più che mai importante esprimere i problemi legati alla dichiarazione del Dipartimento, opportunamente divulgata poco prima del fine settimana festivo.

Come abbiamo imparato fin troppo bene, i burocrati di Washington non dovrebbero occuparsi di regolamentare la musica poiché non sono né in grado di comprendere o risolvere i problemi che hanno creato. Speriamo che attraverso le nostre imminenti conversazioni, i nostri alleati al Congresso che supportano la comunità creativa e, in definitiva, le voci delle persone più colpite, i creatori stessi, possiamo trovare un percorso da seguire. Fino ad allora, non ci sarà giustizia per i cantautori americani.

Davide Israelita è il Presidente e CEO della National Music Publishers' Association (NMPA). Fondata nel 1917, NMPA è l'associazione di categoria che rappresenta tutti gli editori musicali americani e i loro partner autori di canzoni.

Condividi Con I Tuoi Amici

Chi Siamo

Other Side of 25 Fornisce Le Notizie Più In Voga Sulle Celebrità Delle Tue Star Preferite - Copriamo Le Interviste, Le Esclusive, Le Ultime Notizie, Le Notizie Di Intrattenimento E Le Recensioni Dei Tuoi Programmi Televisivi Preferiti.